COME TRATTARE I CLIENTI E FIDALIZZARLI A VITA – COMPARTO AUTO

officina-meccanica

CGIA in collaborazione con Mondo Meccatronico organizza un percorso formativo in 4 serate online dedicato alla Minoranza consapevole del Comparto Auto:

 COME TRATTARE I CLIENTI E FIDALIZZARLI A VITA

Tecniche di comunicazione efficace in fase di accoglienza in officina, per soddisfare le esigenze dei clienti e aumentare i profitti in modo etico e sostenibile 

 CALENDARIO DEGLI INCONTRI

  • Martedì 23 febbraio ore 20.00
  • Martedì 2 marzo ore 20.00
  • Martedì 9 marzo ore 20.00
  • Martedì 16 marzo ore 20.00

Docente: Vittorio Bacchetti

Compila la scheda di adesione che trovi QUI 

Per info segreteria organizzativa: tel. 041 2386703 – info@cgiamestre.com

dopo l’adesione vi verranno inviati il link e le istruzioni per seguire l’evento su piattaforma Zoom

Videocamera e microfono sono necessari per seguire e interagire durante il corso

NUOVE DISPOSIZIONI: SPOSTAMENTI E APERTURE-CHIUSURE ATTIVITA’ ECONOMICHE

coronavirus-4914026_1920-500x281

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Il testo prevede:

  • per il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, il divieto, su tutto il territorio nazionale, di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma;
  • nei giorni 7 e 8 gennaio 2021, l’Italia torna tutta in “zona gialla”, ma non saranno consentiti gli spostamenti fra Regioni. Bar, pasticcerie, gelaterie e ristoranti saranno aperti fino alle 18:00;
  • nei giorni 9 e 10 gennaio 2021, l’applicazione, su tutto il territorio nazionale, delle misure previste per la cosiddetta “zona arancione” (articolo 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 dicembre 2020). Saranno comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Il testo conferma sino al 15 gennaio, nei territori inseriti nella cosiddetta “zona rossa”, la possibilità, già prevista dal decreto-legge 18 dicembre 2020, n. 172, di spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono.

 

 

AUMENTO DELLA TARIFFA REVISIONE VEICOLI

rc auto

l costo della revisione dei veicoli aumenta di 9,95 euro. E’ quanto prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera. La norma introduce anche un buono ‘veicoli sicuri’: in pratica, la prima revisione che verrà fatta entro tre anni sarà esentata dall’aumento ma il bonus varrà una sola volta e per un solo veicolo se si possiedono più auto.
I centri di revisione percepiranno dunque l’aumento che, nell’immediato, non ricadrà sui cittadini ma – per una sola volta – sarà compensato dallo Stato. La tariffa sarà aumentata con un apposito decreto del ministero delle Infrastrutture, di concerto con il Mef, da emanare entro 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta della legge di bilancio. “A titolo di misura compensativa dell’aumento, per i tre anni successivi all’entrata in vigore del decreto ministeriale – si legge nella norma – è riconosciuto un buono denominato ‘buono veicoli sicuri’, ai proprietari di veicoli a motore che nel medesimo periodo temporale sottopongono il proprio veicolo e l’eventuale rimorchio alle operazioni di revisione. Il buono può essere riconosciuto per un solo veicolo a motore e per una sola volta. L’importo è pari a 9,95 euro”. Il costo è stimato in 4 milioni l’anno nel 2021, 2022 e 2023.

Cna “apprezza l’emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera alla legge di bilancio con il quale viene disposto l’adeguamento delle tariffe per le revisioni auto, ferme da 13 anni”, si legge in una nota. L’incremento di 9,95 euro, afferma la Cna, “rappresenta una boccata di ossigeno per i centri di revisioni privati, una categoria che da anni registra una crescita rilevante dei costi di gestione in termini di nuove tecnologie impiegate e formazione”. La nota sottolinea che “l’adeguamento delle tariffe per le revisioni auto non peserà sulle tasche degli italiani. L’emendamento approvato prevede infatti che lo Stato erogherà un bonus ai proprietari dei veicoli pari all’incremento di 9,95 euro. Al riguardo Cna sollecita il varo in tempi rapidi del relativo decreto con le modalità per il beneficio che in alcun modo dovrà essere anticipato dalle imprese”. Cna si “rammarica invece dell’occasione persa per intervenire sul fronte dei collaudi e della revisione dei mezzi pesanti” dopo che la Commissione Trasporti della Camera aveva approvato all’unanimità un emendamento per affidarli ai centri privati.

 

fonte: ansa.it

REVISIONI VEICOLI: PRECISAZIONI DEL MINISTERO DELL’INTERNO SULLE PROROGHE

car-iq-fleet-connected-car

l Ministero dell’Interno, con propria circolare (scaricabile dal link che trovi sotto), ha meglio chiarito i termini di proroga della scadenza della revisione dei veicoli, emettendo una tabella che specifica per singola categoria di veicolo, la scadenza della revisione, la relativa proroga, l’ambito territoriale italiano o europeo dove è in vigore la proroga e la relativa norma di riferimento.

Viste le numerose proroghe, la tabella può essere uno strumento utile alle aziende che operano nella revisione dei veicoli, per avere sotto controllo le tempistiche.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA CIRCOLARE DEL MINISTERO INTERNI

PATENTI: PROROGA VALIDITA’ AL 30 APRILE 2021

Per quanto riguarda la validità delle patenti scadute a partire dal 31 gennaio 2020 e che scadranno nei prossimi mesi è stata prorogata al 30 aprile 2021. In realtà, la norma introdotta dal parlamento al cosiddetto dl Covid, aggancia la nuova scadenza di questi documenti con il termine dello stato d’emergenza dovuto alla pandemia. Il quale è attualmente fissato, per l’appunto, al 30 aprile 2020. Dunque, nel caso in cui lo stato d’emergenza dovesse essere ulteriormente prorogato, lo saranno anche le scadenze dei documenti.

È opportuno ricordare che la proroga riguarda tutte le patenti scadute a partire dal 31 gennaio 2020: i documenti scaduti in data antecedente, dunque, non rientrano nel provvedimento e non consentono di circolare fino al suo rinnovo.

LE REGOLE IN EUROPA. Tutto ciò riguarda la circolazione in Italia con patenti rilasciate in Italia. La circolazione negli altri paesi della Ue con patenti rilasciate in Italia resta disciplinata dal regolamento Ue 2020/698 che consente di circolare oltrefrontiera fino a sette mesi dopo la scadenza indicata sulla patente, ma solo per i documenti con scadenza compresa tra l’1 febbraio e il 31 agosto 2020.

 

 

NUOVO DPCM DI NATALE VALIDO FINO AL 15 GENNAIO 2021

dpcm natale

Pubblicato il nuovo Dpcm che entra in vigore dal 4 dicembre 2020 fino al prossimo 15 gennaio 2021.

Ecco in sintesi le misure più importanti:

*SPOSTAMENTI TRA REGIONI* – Sono vietati dal 21 dicembre al 6 gennaio, salvo i casi di lavoro, necessità e salute e per fare ritorno a residenza, domicilio o abitazione. Ci si potrà spostare da una regione all’altra quindi fino al 20 gennaio, tenendo conto delle attuali fasce di colore, il cui sistema viene mantenuto.

*SPOSTAMENTI TRA COMUNI*– Vietati a Natale, il 26 dicembre e l’1 gennaio, salvo i casi di lavoro, necessità e salute o il rientro a residenza, domicilio o abitazione.

*SECONDA CASA* – Si può raggiungere se si trova nella stessa Regione, tranne che il 25 e 26 dicembre e il 1 gennaio, quando saranno vietati anche gli spostamenti al di fuori del proprio comune.

*SHOPPING* – Fino all’Epifania i negozi resteranno aperti tutti i giorni fino alle ore 21 per diluire la presenza di acquirenti in più ore della giornata. I centri commerciali resteranno invece chiusi nei giorni festivi e prefestivi.

*RISTORANTI* – Saranno sempre aperti a pranzo, anche a Natale, Santo Stefano, a Capodanno e alla Befana, ma al tavolo non potranno sedere più di quattro persone. Restano la consegna a domicilio e l’asporto fino alle 22. I bar e gli altri locali di somministrazione (gelaterie, pasticcerie, pizzerie, etc.) saranno aperti dalle 5 fino alle 18:00 in zona gialla.

*PRANZO E CENA DI NATALE* – Si raccomanda di festeggiare solo con familiari conviventi e non è stato indicato un numero massimo di commensali.

*COPRIFUOCO* – Resta in vigore per tutte le festività il divieto di uscire senza giustificato motivo dalle 22 alle 5 del mattino seguente.

*CAPODANNO* – Il primo gennaio invece il coprifuoco durerà fino alle 7 del mattino e non fino alle 5.

*ALBERGHI* – Gli hotel potranno restare aperti, ma i ristoranti all’interno delle strutture saranno chiusi la sera di Capodanno. Sarà possibile trascorrere il veglione solo in camera, ordinando la cena.

*SCI* – Gli impianti sciistici resteranno chiusi fino al 6 gennaio, si potrà tornare a sciare a partire dal 7.

*CROCIERE* – Sono sospese dal 21 dicembre al 6 gennaio.

*VIAGGI* – Dopo un viaggio all’estero resta la quarantena di 14 giorni al ritorno, dai Paesi per i quali è prevista.

*MESSE* – Le funzioni religiose della notte del 24 dicembre saranno svolte in orario da permettere ai fedeli di tornare a casa prima del coprifuoco. Inoltre verranno celebrate più messe a Natale per diluire la presenza di fedeli ed evitare assembramenti.

*SPORT* – Fino al 15 gennaio si potranno disputare solo incontri e gare di “alto livello”. L’attività sportiva e motoria individuale resta permessa, mantenendo la distanza.

*CINEMA E TEATRI* – Resteranno chiusi per tutte le festività.

ATTENZIONE: da domani (5 dicembre 2020) vengono meno anche le disposizioni introdotte dall’ultima Ordinanza della Regione Veneto, pertanto, salvo novità che non dovrebbero esserci,  DECADONO:

  1. Obbligo del servizio al tavolo per i pubblici esercizi dalle 15:00 alle 18:00;
  2. Limite massimo di 1 persona ogni 20 mq nei negozi sopra i 40 mq;
  3. Chiusure negozi alla domenica (salvo quelli all’interno dei centri commerciali);
  4. Obbligo del menù monouso o digitale.

 SCARICA QUI IL NUOVO DPCM CON TUTTI GLI ALLEGATI

 

 

NUOVO DECRETO SULLE RESTRIZIONI DI NATALE E 1° GENNAIO

cartello stop

Con il decreto legge n° 158/2020 approvato ieri, il Governo ha stabilito che dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato nell’ambito del territorio nazionale ogni spostamento in entrata e uscita tra Regioni o Province autonome e nelle giornate del 25 e 26 dicembre e del 1 gennaio 2021 è vietato altresì ogni spostamento tra Comuni, salvo gli spostamenti dovuti a esigenze lavorative o stuazioni di necessità o motivi di salute.

E’ comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma e, nelle giornate del 25 e 26 dicembre e 1 gennaio 2021, anche ubicate in altro Comune, ai quali si applicano i predetti divieti.

INCONTRO ON LINE PER IL COMPARTO AUTO

locandina AUTO 1 DICEMBRE 2020

MECCATRONICO 4.0 Saper riparare non basta più. Cambia Marcia!

martedì 01 dicembre 2020 ore 20.30

Saluto del Presidente di Categoria, ROBERTO BOTTAN

 Intervento di VITTORIO BACCHETTI, Facilitatore del Cambiamento, Fondatore di Autronica


il programma:

introduzione: lo scenario (presente e futuro) dell’officina;

Applicare una comunicazione efficace in fase di accoglienza fa aumentare il fatturato;

– Non ci sono più i clienti di una volta, esigenze e aspettative dei clienti. Come creare valore;

– La gestione interna della comunicazione tra i collaboratori e la condivisione della Vision per un’officina di successo;

– Come attivare l’innovazione che serve all’officina.

 

N.B: Conferma la partecipazione alla segreteria organizzativa, Il giorno prima dell’evento sarà inviato ai partecipanti il link al quale sarà possibile collegarsi tramite Google Meet

Partecipare alla nostra aula virtuale è semplice, basta una connessione ADSL, un pc dotato di uscita audio e di una webcam oppure in alternativa uno smartphone/tablet

SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: Giovanni Gomiero tel.041 2386701 giovannigomiero@cgiamestre.com

 

NUOVO DPCM – SINTESI AREE E AUTODICHIARAZIONE

fasce spostamenti

Il Premier, Giuseppe Conte, ha spostato l’entrata in vigore del nuovo DPCM  a oggi, venerdì 6 novembre 2020.
Al momento la Regione Veneto è rientrata nell’Area gialla. Più sotto sono riportate in sintesi le principali limitazioni riferite alle singole Aree.
Per tutte e 3 le Aree da domani scatta il coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00 del giorno successivo.  In questa fascia oraria ci si potrà spostare solo per ragioni di lavoro, salute ed emergenza, portando con sé l’autodichiarazione che dovrà essere compilata correttamente:

SCARICA QUI L’AUTODICHIARAZIONE IN FORMATO PDF EDITABILE

 

MERCATO AUTO: CON GLI INCENTIVI A SETTEMBRE SI REGISTRA UN +9,5%

auto chiave

L’andamento del mercato nello scorso mese di settembre, dopo le notizie negative dei mesi precedenti, ha registrato il primo incoraggiante segnale di ripresa.

I dati del mercato del mese di settembre, diffusi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, indicano 156.132 vetture immatricolate rispetto alle 142.532 dello stesso mese 2019 (+9,5%).

Le immatricolazioni nei primi nove mesi dell’anno raggiungono le 966.017 unità, oltre 500.000 auto perse rispetto a 1.468.237 del gennaio-settembre dello scorso anno, segnando un calo del 34,2%.

Resta fortemente negativa la performance del dato mobile, con un -25% rispetto ai 12 mesi precedenti.

L’analisi della struttura del mercato conferma, fra gli utilizzatori, l’ottima performance dei privati che stanno rispondendo positivamente agli stimoli derivanti dagli incentivi.

In settembre la crescita è del 25% con un incremento di quota di oltre 8 punti, al 68,6%. I primi 9 mesi si mantengono in forte calo del 27,4%, al 62,3% del totale mercato.

Altalenante l’andamento del noleggio che, in settembre, torna a registrare un segno positivo (+5,8%, al 17,4% di quota di mercato). In crescita entrambe le componenti: il breve termine nel mese segna un +14,4%, il lungo termine un incremento del 5% per la spinta delle Captive, di diretta emanazione delle Case auto, a fronte di una contrazione delle principali società Top di noleggio a lungo termine.

Nei 9 mesi cumulati la perdita del noleggio si attesta sul 40% e la quota di mercato si contrae di 2,3 punti, al 22,7% del totale. Un ulteriore forte calo in settembre interessa le società (-29,1%), con una rappresentatività che scende di quasi 8 punti al 13,9%, per la contrazione del 35,8% delle autoimmatricolazioni e dell’8,6% delle altre società. Nei 9 mesi la perdita in volume è del 46,6% e la quota di mercato si ferma al 14,5% (-3,4 p.p.).

 

Sotto il profilo delle alimentazioni, emerge il forte calo in settembre degli acquisti di vetture a benzina (-19,1%) che scendono al 32,8% del totale, praticamente quasi la stessa rappresentatività delle vetture diesel che, con un calo di appena il 3%, si posizionano al 32,3% di quota. Nei 9 mesi la flessione per entrambe le motorizzazioni è intorno al 40% e la rappresentatività per benzina è del 40% per il diesel di circa il 35%.

Stabile in settembre il metano, mentre cresce dell’8,2% il Gpl (con una quota stabile al 7,6%). Crescite superiori al 200% in settembre interessano le vetture ibride, le plug in e le elettriche che raggiungono rispettivamente una quota del 20,6% per le ibride (+13,4 punti percentuali), dell’1,8% per le plug in e del 2,6% per le elettriche (entrambe triplicate rispetto al settembre 2019).

 

Gli incentivi influenzano soprattutto i segmenti di ingresso del mercato, con crescite a doppia cifra per le city car del segmento A (+15%) e le utilitarie (+23,3%) che raggiungono rispettivamente il 17,8% del totale mercato e il 38,1% di quota (+4,1 p.p.). In leggera flessione i segmenti C e D, mentre cali più accentuati interessano le superiori e alto di gamma.

Fra le carrozzerie, in crescita a doppia cifra le berline, i crossover, monovolume grandi e coupè, in leggero calo station wagon e fuoristrada, mentre flessioni accentuate coinvolgono tutti gli altri segmenti.

In crescita nel mese tutte le aree geografiche del nostro Paese, con il Nord Ovest al primo posto con il 30,5% di quota, mentre nei primi 9 mesi il podio spetta all’area Nord orientale che copre il 32,5% del totale mercato.

Come anticipato, la CO2 media delle nuove immatricolazioni subisce una sensibile flessione in settembre: -10,8% a 105,6 g/Km rispetto ai 118,4 del settembre 2019. Nel cumulato la CO2 si attesta a 110,8 g/Km (-7,4%).

A completare il quadro del mercato, i trasferimenti di proprietà di autovetture nel mese di settembre sono tornati a crescere (+7%) con 362.523 unità al lordo delle minivolture rispetto alle 338.957 del settembre 2019. Nei primi 9 mesi il mercato dell’usato perde un terzo dei volumi con 2.088.132 trasferimenti contro i 3.131.638 del gennaio-settembre dello scorso anno

 

 

fonte: articolo ricavato da unrae.it

 

VERSO LE MODIFCHE AL CODICE DELLA STRADA: LE ULTIME NOVITA’

multe

La riforma, bloccata da oltre un decennio, si trascina tra i due rami del Parlamento senza vedere la luce. Dopo il decreto semplificazioni ora però approda alla Camera e le modifiche accelerano.

UTENZA VULNERABILE
La cosa più importante è che arriva il concetto di utenza vulnerabile, che ricomprende anche i conducenti di ciclomotori e motocicli, nonché delle persone con disabilità, oltre a pedoni e ciclisti. Gli attraversamenti pedonali potranno essere rialzati al piano di marciapiede, vengono previsti marciapiedi colorati, con l’introduzione nel codice di “percorsi pedonali”. I sindaci potranno istituire stalli di sosta per i veicoli delle donne in stato di gravidanza o con un bimbo di età non superiore a due anni, munite con il nuovo “contrassegno rosa” e per i veicoli in condivisione. Nella segnaletica verticale potranno essere inseriti messaggi sociali e di sensibilizzazione, finalizzati alla tutela e alla sicurezza della circolazione e alla tutela della sosta delle persone con disabilità e delle donne munite del permesso rosa.
SPAZI PER DISABILI
Gli enti proprietari delle strade saranno tenuti a garantire la gratuità degli stalli blu per le persone con disabilità, mentre si prevede un inasprimento delle sanzioni per coloro che utilizzano abusivamente lo stallo dedicato alle persone con disabilità, con sanzione da 168 euro a 673 euro, e 4 punti di decurtazione anziché 2 come avviene oggi. Viene introdotto l’obbligo per i conducenti dei veicoli di dare la precedenza ai pedoni che si accingono ad attraversare la strada, anziché ai pedoni che abbiano iniziato l’attraversamento, come previsto nell’attuale formulazione.
STRISCE PEDONALI
Sarà possibile dotare gli attraversamenti pedonali di sensori che attivano segnali luminosi di pericolo al passaggio di pedoni, e su tutte le strade per tutta la larghezza della carreggiata potranno essere adottati sistemi di rallentamento della velocità con elementi di moderazione del traffico come bande trasversali ad effetto ottico, acustico o vibratorio, restringimenti, chicane, ecc. Vengono esentati dall’obbligo di allacciare le cinture di sicurezza anche gli “stomizzati”, mentre verrà consentito alle macchine per uso di persone con disabilità, se asservite da motore, di transitare sulle piste ciclopedonali in caso di necessità. Sanzioni amministrative più pesanti per chi viola le norme di comportamento ai passaggi a livello, con importo da 167 euro a 666 euro.

Viene introdotta la responsabilità del conducente del motoveicolo e del ciclomotore in caso non sia indossato il casco dal passeggero. Dal 1° gennaio 2024 tutti gli scuolabus dovranno essere muniti di cinture di sicurezza, anche se non viene introdotto l’obbligo di allacciarle. Nel caso di mancato uso di cinture di sicurezza di trasportati maggiorenni su autoveicoli, la sanzione si applica anche al conducente, con esclusione di taxi ed NCC, i quali sono tenuti solamente a ricordare ai passeggeri l’obbligo di utilizzo mediante cartelli o altre modalità di avviso.

CELLULARE ALLA GUIDA
Sanzioni più pesanti per chi fa uso alla guida di smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante. Alla prima violazione, sanzione da 422 euro a 1697 euro, con la sospensione della patente da 7 giorni a due mesi, oltre alla decurtazione di 5 punti della patente. Con una doppia violazione nel biennio, sanzione amministrativa pecuniaria da 644 euro a 2588, sospensione della patente da uno a tre mesi, decurtazione di 10 punti dalla patente. Il Ministero dei Trasporti dovrà attivare apposite campagne di sensibilizzazione sui nuovi divieti. Decurtazione di 2 punti patente per la violazione dei divieto di sosta e fermata negli spazi riservati alla ricarica dei veicoli elettrici.

DROGA AL VOLANTE
Per accertare lo stato di alterazione alla guida in materia di uso di sostanze stupefacenti, gli organi di polizia stradale effettueranno accertamenti sul fluido salivare anziché su campioni di mucosa del cavo orale come previsto dal testo vigente. Stop ai veicoli ibridi all’accesso libero alle zone a traffico limitato e via libera solo ai veicoli elettrici, ma solo con deliberazione della giunta comunale. Vietati sulle strade e sui veicoli ogni forma di esposizione pubblicitaria, il cui contenuto proponga messaggi sessisti, violenti o stereotipi di genere offensivi o proponga messaggi lesivi del rispetto delle libertà individuali, dei diritti civile e politici, del credo religioso, dell’appartenenza etnica ovvero discriminatorie rispetto all’orientamento sessuale, all’identità di genere, delle abilità fisiche e psichiche. Viene consentita la pubblicità all’interno delle rotatorie che verrà regolamentata con apposito decreto del Ministero dei Trasporti.

SEMAFORI
Previsione che nei semafori l’accensione della luce gialla abbia una durata minima di tre secondi. Per i veicoli a motore impegnati in competizioni motoristiche che si svolgono su strada è consentito esporre una targa sostitutiva costituita da un pannello auto-costruito che riproduce il numero di immatricolazione del veicolo. Altre norme riguardavano la mobilità ciclistica ma dopo il blitz nel decreto semplificazione appare più difficile introdurne di nuove.
CASCO
Viene invece introdotto l’obbligo del casco ( conforme alle omologazioni internazionali ) per i minori di anni 12 che guidano una bici, ma solo 4 mesi dopo l’approvazione della legge.

In caso di violazione con decurtazione punti, cade l’obbligo del proprietario del veicolo di comunicazione se è persona fisica e sia il conducente responsabile della violazione ed abbia effettuato la comunicazione tramite PEC. Gli enti locali avranno l’obbligo di pubblicare sul proprio sito nternet l’ammontare delle sanzioni riscosse con riferimento all’anno precedente. In materia di possesso dei documenti di circolazione e di guida, non si procederà a sanzionare qualora, a seguito di contestuale verifica telematica, l’agente di polizia stradale abbia accertato l’esistenza e la validità dei documenti che il conducente non ha esibito. Viene ufficializzato l’obbligo di lasciare il “preavviso”I sul parabrezza del veicolo trovato in divieto di sosta, per permettere al trasgressore di aderire al pagamento della sanzione in misura ridotta senza spese di notifica. Vengono poi introdotte nuove norme in materia di veicoli pesanti e macchine agricole, sulle revisioni, sui veicoli d’epoca o di interesse storico e collezionistico.

 

articolo di Vincenzo Borgomeo – repubblica.it

 

1 2 3 12