Il settore auto europeo chiede un piano coordinato di incentivi

guida autonoma

L’intero settore automobilistico europeo torna a rivolgersi alle istituzioni e ai governi nazionali, chiedendo un intervento coordinato per il rilancio del mercato e delle attività produttive dopo il “grave impatto” della pandemia da coronavirus. Le quattro associazioni di rappresentanza più importanti (Acea per i costruttori, Clepa per i fornitori, Cecra per gli autoriparatori ed Etrma per i produttori di pneumatici) hanno pubblicato un piano d’azione con 25 raccomandazioni per garantire la ripresa dell’intera filiera legata al mondo delle quattro ruote e con una una richiesta prioritaria: un piano coordinato di incentivi.

Serve un assist. Tra le varie misure proposte, infatti, figurano “schemi coordinati di rinnovo delle flotte per tutti i tipi e le categorie di veicoli in tutta l’Unione Europea”. Le associazioni sono convinte che solo agevolazioni coordinate possano dare “impulso alla domanda privata e commerciale, sostenere la ripresa economica in tutti i settori, nonché accelerare il ringiovanimento della flotta di veicoli sulle strade d’Europa”. Gli incentivi “dovrebbero essere basati su criteri uguali in tutta Europa, attingendo sia ai finanziamenti nazionali, sia a quelli dell’Ue. Tali schemi dovrebbero essere potenziati da premi alla rottamazione e tenere conto delle ambizioni sul fronte della lotta ai cambiamenti climatici.

Le dichiarazioni. Per Eric-Mark Huitema, direttore generale dell’Acea, “è ora fondamentale rimettere in moto l’intera catena del valore del settore automobilistico: abbiamo bisogno di un rilancio coordinato dell’attività industriale e commerciale, con mantenimento della liquidità per le imprese. Dovranno essere adottate misure mirate per innescare la domanda e gli investimenti. Lo stimolo della domanda aumenterà l’utilizzo della nostra capacità produttiva, salvaguardando posti di lavoro e investimenti”. “Per rilanciare la mobilità e l’attività economica, sarà essenziale che le concessionarie e le officine di autoveicoli riaprano al più presto nei Paesi in cui sono ancora chiuse”, aggiunge Bernard Lycke della Cecra. “Incentivi all’acquisto mirati e piani di rottamazione per tutte le categorie di veicoli, oltre a stimolare il recupero, daranno un contributo positivo alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica e alla sicurezza stradale”. Secondo Sigrid de Vries, della Clepa, ”il riavvio del settore automobilistico sarà il motore della ripresa economica per il significativo impatto occupazionale e l’immediato effetto che avrà su altri settori. Anche gli investimenti nelle persone e nella ricerca e sviluppo rimangono fondamentali. L’Europa ha bisogno di un forte ecosistema automobilistico per rimanere competitivi e spingere avanti con ambiziosi obiettivi ambientali, digitali e di sicurezza stradale”.

Le altre proposte. Tra le altre varie proposte, le associazioni chiedono di armonizzare le misure per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro, di esentare il trasporto merci dalla chiusura dei confini, allineare le procedure di controllo doganali o di allentare le regole comunitarie sulla concorrenza. Inoltre, sarebbe necessario riaprire al più presto, a livello comunitario, le concessionarie e le officine, stabilire strumenti di finanziamento diretto dell’Unione per gli appalti per il rinnovo delle flotte pubbliche e avviare senza indugio i progetti per la creazione di un’infrastruttura per le ricariche delle auto elettriche e per i carburanti alternativi. Va anche valutato l’impatto della crisi sulle normative rilevanti per il settore, a partire dai regolamenti sulle emissioni, per i quali l’Acea ha chiesto una moratoria già a fine marzo, e devono essere riavviati il più rapidamente possibile i processi di omologazione. Infine, ribadiscono le associazioni, deve essere sostenuta la riqualificazione della forza lavoro impiegata nella filiera.

articolo di Rosario Murgida, quattroruote.it