MONOPATTINI ELETTRICI: CRESCE LA DOMANDA, MA L’USO SPESSO E’ IMPROPRIO

monopattino-elettrico-1024x683

Sospinti dal bonus mobilità e dal proliferare dei servizi di noleggio, i monopattini elettrici si stanno ritagliando uno spazio significativo nell’ambito della mobilità urbana. Restano ancora un mezzo di nicchia, sia chiaro, ma in rapida diffusione. Ed essendo una novità, spesso non vengono utilizzati con piena consapevolezza delle regole, come emerge da un’indagine condotta da mUp Research in collaborazione con Norstat per conto del portale assicurativo Facile.it.

Sul marciapiede no. Oltre la metà degli intervistati (il 52,7%) dichiara infatti, in assenza di piste ciclabili, di usare i monopattini elettrici sul marciapiede o nelle aree pedonali. Vale la pena, dunque, ricordare cosa prescrive il Codice della strada a riguardo: ovvero, divieto assoluto di circolazione sui marciapiedi, mentre nelle aree pedonali questi mezzi possono viaggiare (salvo esplicito divieto) senza superare i 6 km/h di velocità. Su strade urbane, i monopattini sono autorizzati ad andare anche nella carreggiata assieme agli altri veicoli, con il limite di 25 km all’ora: lo fanno spesso i conducenti uomini (46,9%), ci dice la ricerca, molto meno le donne (18,9%).

Chi li compra? Solo il 2,7% del campione consultato ha dichiarato di possedere già un monopattino elettrico. E malgrado si tenda ad associare il mezzo ad un pubblico estremamente giovane, la fascia più consistente dei proprietari (5,5%) si attesta al momento tra i 35 e i 44 anni, e si tratta di soggetti prevalentemente residenti nel Centro Italia e nel Nord Est (4,2%). Tuttavia, nella diffusione di questi veicoli sta avendo un’influenza crescente il noleggio condiviso, che invece vede protagonista un pubblico tra i 25 e i 34 anni. Allo stesso modo, andando a indagare l’intenzione di acquisto si scopre che il desiderio di micromobilità è più forte tra i più giovani: il 14,7% ha tra i 18 e i 24 anni, contro una media nazionale del 6,7%.

L’assicurazione non è obbligatoria, ma c’è. Secondo l’indagine, i monopattini elettrici vengono utilizzati principalmente nel tempo libero, ma cresce il numero dei ‘’pendolari’’, gente che li sfrutta per il casa-ufficio. In ogni caso resta aperto il tema dell’uso improprio, purtroppo ancora diffuso e spesso causa di incidenti. Al momento i monopattini elettrici non obbligano proprietari e utenti (salvo non si tratti di veicoli noleggiati) a dotarsi di un’assicurazione per poter circolare. Tuttavia, le compagnie si sono già mosse predisponendo prodotti specifici con coperture che tutelano l’assicurato sia in caso di danni arrecati a terzi, sia in caso di infortuni subiti durante l’uso del mezzo.

ARTICOLO DI LUCA CEREDA – quattroruote.it

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *